giovedì 4 novembre 2021

A Pechino un premio a Giancarlo Dall'Ara Presidente Alberghi Diffusi

 


I borghi come modelli di ospitalità che possono sollecitare la trasformazione e l'innovazione verde a contribuire nella lotta contro i cambiamenti climatici.

Lo sanno bene quelli che ospitano i 250 alberghi diffusi in Italia che quest'anno hanno visto il loro modello di ospitalità insignito del prestigioso premio assegnato in occasione del Global Forum on Human Settlements

La 16a sessione annuale del Global Forum on Human Settlements (GFHS 2021) – uno degli eventi più importanti incentrati su città sostenibili e insediamenti umani –  che si è appena concluso in occasione della “Giornata mondiale delle città”, ha visto premiato – unico in Italia -  l’”Albergo Diffuso: The Italian model for rural revitalization and sustainable tourism development”.

L'evento si è svolto in Cina, a Pechino, in un format che ha combinato sia la partecipazione online che offline, per affrontare a livello internazionale il tema di come le città possono utilizzare il recupero verde come un'opportunità per avviare una trasformazione verde e guidare l'innovazione a tutti i livelli e in tutti i settori, migliorando così la sicurezza urbana, la resilienza e inclusività, promuovendo la crescita verde e realizzando uno sviluppo urbano sostenibile coordinato, sano e di alta qualità.

Sul fronte del turismo sostenibile il premio è andato al modello di ospitalità ‘made in Italy’ dell'Albergo diffuso, ovvero di un hotel che non si costruisce ma che nasce mettendo in rete case che esistono già, vicinissime tra di loro, così da offrire agli ospiti tutti i servizi alberghieri in un contesto "non per turisti" ma autentico.

A ritirare ‘virtualmente’ il premio il consulente di marketing Giancarlo Dall’Ara che ha ideato il modello e che presiede l’Associazione nazionale degli alberghi diffusi. “Sono convinto – Ha detto Giancarlo Dall’Ara durante la cerimonia di premiazione - che il premio aiuterà questo modello ad espandersi e a contribuire allo sviluppo economico dei centri minori, nonché a frenare lo spopolamento. Oggi sono circa 250 gli AD in Italia e altri 50 negli altri paesi del mondo (Croazia, Svizzera e Giappone soprattutto), con una forte crescita in Asia”.






Nessun commento:

Posta un commento