domenica 2 febbraio 2014

La Loggia di Gradara


Al confine tra Romagna e Marche, il borgo di Gradara si fa testimone nel tempo di una storia conosciuta in tutto il mondo. Il silente castello che domina l’abitato dall’alto della sua collina, custodisce i segreti del tragico amore cantato da Dante, che ha coinvolto i giovani Paolo e Francesca. È una fortezza ancora conservata come un tempo, mantenendo intatte le sue principali caratteristiche medievali, così come il suo carattere antico, misterioso e affascinante. Il borgo, si adagia dolcemente ai suoi piedi, abbracciandolo quasi come se volesse seguire la storia di cui è testimone, unendosi a lui nei secoli.
Proprio per esaltare al massimo l’esperienza sensoriale dei viaggiatori che visitano il castello, le antiche abitazioni poste all’interno delle mura della fortezza malatestiana sono state adibite ad Albergo Diffuso: La Loggia di Gradara. Nata da una tradizione famigliare di oltre cinquant’anni, La Loggia non è solo un esempio di ospitalità, quanto piuttosto un vero e proprio racconto elaborato, un viaggio sensoriale che coinvolge ogni viaggiatore, una filosofia che intende valorizzare il viaggio non solo esteriore, ma anche e soprattutto, interiore.

tratto da:
http://www.bobos.it/albergo-diffuso-57-gradara_79220.htm

Nessun commento:

Posta un commento