mercoledì 24 luglio 2013

L'albergo diffuso, e l'orgoglio dell'Associazione Nazionale per il caso Irpinia


Se siete lettori di questo blog avrete visto che è stato inaugurato un nuovo Albergo Diffuso in Irpinia. Non è certo il solo AD ad essere stato inaugurato quest'anno. Ricordo tra gli altri l'AD Torre Soca (il primo riconosciuto in Lombardia), Lo Specchio di Diana a Nemi in provincia di Roma, e poi Ecovacanze Belmonte in Calabria, Borgo Sant'Angelo a Gualdo Tadino....
E' stata però l'unica inaugurazione alla quale ho potuto prendere parte direttamente in questo 2013.
Voglio solo trasmettervi la gioia e l'orgoglio per avere contribuito, come movimento degli Alberghi Diffusi e personalmente come autore del modello dell'AD, a questa straordinaria avventura che ha visto recuperato e portato a valore un intero castello, o meglio il cuore del borgo. E tutto questo in una regione storica che - come sapete - è stata flagellata prima da un terribile terremoto e poi da una sciagurata ricostruzione. Il Borgo di Castelvetere, grazie all'Albergo Diffuso, oggi può presentare la sua anima più vera.
Una testimonianza di come sia possibile oggi in Italia dare vita a forme di rete, a progetti sostenibili, rispettando la cultura dei luoghi, e coniugandola con l'innovazione.
Un grande in bocca al lupo ad Agostino Della Gatta e Gerardo Stabile che di questa avventura sono i promotori fondamentali. Inoltre voglio aggiungere alle altre, anche le felicitazioni dell'Associazione Nazionale ai tanti che hanno collaborato affinché il progetto diventasse realtà: dall'architetto Angelo Verderosa a Francesco Ciccio Cataldo, al Sindaco e all'Assessore al turismo, ai giornalisti che hanno aiutato a dare visibilità al progetto, a Irpinia Turismo, e anche alla Regione Campania che ha emanato una legge seria sull'Albergo Diffuso.

3 commenti:

  1. Un grazie di cuore a Giancarlo Dall'Ara per il suo costante impegno e soprattutto per averci onorato con la sua partecipazione. Un evento ed un progetto che stanno suscitando interesse, ma soprattutto cominciano ad essere da stimolo per altre realtà della Regione Campania. Un progetto territoriale, ma anche una grande esperienza di rete e di sistema con la nostra Associazione Nazionale Alberghi Diffusi e con l'Agenzia Irpinia Turismo.

    RispondiElimina
  2. Dal riscontro post inaugurazione, quello che trapela tra gli animi di cittadini e amministratori irpini è che davvero l'AD può essere il modello di sviluppo da seguire. E questo grazie a Lei, Professore, che nelle due sue venute al borgo ha saputo infondere il concetto di sviluppo di un territorio con dinamiche bottom up, riconvertendo la pubblica opinione che ha sempre creduto, dal post-terremoto ad oggi, in uno sviluppo di tipo top-down, quello industriale che però non ha mai funzionato! A mio avviso il risultato maggiore dell'apertura del Borgo, diventato AD, è proprio la sua forza innovatrice sia dal punto di vista economico per un territorio, sia dal punto di vista antropologico per gli abitanti.

    RispondiElimina
  3. Foto e Info sul blog verderosa.it
    -
    http://www.verderosa.it/opere-realizzate/lalbergo-diffuso-nel-borgo-di-castelvetere/

    RispondiElimina