lunedì 4 febbraio 2013

Il Piano strategico del Ministero dimentica l'ospitalità diffusa

Ho letto un interessante commento critico al Piano di Sviluppo turistico del Ministero, che sottolinea la sua astrattezza e soprattutto una grave lacuna che ci riguarda da vicino. Riprendo da Guida Viaggi:

Agriturist: il piano per il turismo "vecchio prima di nascere"
"Non va bene perché guarda soltanto a pochi grandi progetti e non a come valorizzare l’insieme delle attività e delle risorse turistiche, piccole e grandi, di cui è riccho il nostro Paese. Parlare di poli prioritari e dimenticare il turismo diffuso, di cui l’agriturismo è importante espressione, è l’esatto contrario di quello che serve per rilanciare il turismo italiano", sostiene il presidente Vittoria Brancaccio

Ad Agriturist non piace il Piano Strategico per il Turismo, presentato recentemente dal ministro Gnudi al consiglio dei Ministri. “Non va bene - dichiara Vittoria Brancaccio, presidente di Agriturist - perché guarda soltanto a pochi grandi progetti e non a come valorizzare l’insieme delle attività e delle risorse turistiche, piccole e grandi, di cui è ricchissimo il nostro Paese. Parlare di poli prioritari e dimenticare il turismo diffuso, di cui l’agriturismo è importante espressione, è l’esatto contrario di quello che serve per rilanciare il turismo italiano. A nostro avviso - premette Agriturist - il piano è una ricerca accademica e non un progetto politico. Tratta astrattamente tutto quello che non va del turismo in Italia, prospettando soluzioni per lo più teoriche, con uno scadenzario temporale del tutto irrealistico, ma soprattutto sostiene tesi inaccettabili, come quella secondo cui in Italia esisterebbero 150 poli turistici, solo 40 dei quali con "un potenziale di crescita ancora significativo" e quindi degni di intervento prioritario. In Italia, al contrario, abbiamo un enorme patrimonio di attrattive turistiche diffuse e sconosciute, ad altissimo potenziale di crescita, dalla valorizzazione delle quali può davvero arrivare la ripresa del turismo. E’ il caso, ad esempio - osserva Agriturist - delle attrattive culturali, paesaggistiche, naturalistiche, enogastronomiche, artigianali, di tradizione contadina, promosse dall’agriturismo, che, pur mai considerato dalla promozione pubblica, riceve tre milioni di ospiti l’anno, il 40% dei quali stranieri. Un risultato straordinario, maturato negli ultimi vent’anni, grazie alle capacità e allo spirito di iniziativa di oltre 21mila imprenditori agricoli, in ogni parte d’Italia". Il presidente da presente che, "trascinate dall’agriturismo, stanno crescendo migliaia di piccole imprese di turismo rurale, e si sta formando nelle campagne una rete di micropoli del turismo esperienziale, ecologico, escursionistico, salutistico, suscettibili di raddoppiare in pochi anni, se opportunamente promossi, ricettività e ospiti. Tutto questo il Piano lo ignora, puntando piuttosto sulla creazione di una “nuova Costa Smeralda. Il piano è “vecchio”, pensa solo ad turismo “in grande” fuori dal tempo; le piccole strutture ricettive (che pure rappresentano la maggior parte della ricettività italiana) sono considerate un punto di debolezza, in quanto non idonee per i grandi tour operator; poi si contraddice “ammettendo” che le prenotazioni effettuate tramite internet, senza intermediari, sono in enorme aumento… Il successo dell’agriturismo, fatto di tanti “piccoli” che solo in quanto tali offrono una apprezzatissima e poco costosa accoglienza “di charme”, dimostra che un piano ben fatto dovrebbe sostenere la “meta Italia” nel suo complesso".
25/01/2013 - 14:24

Nessun commento:

Posta un commento